Archivi tag: corriere della sera

Corriere della sera, buon 140esimo compleanno!

 Sono appena uscita – in ritardo – dall’edicola con la mia copia cartacea del Corriere della Sera.
Come accaduto in occasione dei 40 anni di La Repubblica, anche oggi, appena ho avuto tra le mani il giornale che ripercorre le tappe dei 140 anni di vita del Corriere, mi sono emozionata.
Non ci sta proprio niente da fare: sono una vecchia nostalgica della carta e ho un debole per la storia del giornalismo. Io mi impegno a essere moderna e al passo con i tempi. Ma poi, quando accadono queste cose, mi rendo conto di quanto i miei sforzi di essere moderna e digitale si mostrino vani. Adesso, esattamente come accaduto qualche tempo fa, mi sento felice come i bambini all’uscita dalle edicole con un bel pacco di figurine in mano.
Vi riporto un solo passaggio dell’editoriale del primo numero del Corriere per rimarcare la sua incredibile attualità: “... ci piace essere obiettivi; ci piace ricordarci che tu, pubblico, non ti interessi che mediocramente ai nostri odi e ai nostri amori; che vuoi anzitutto essere informato con esattezza; ci piace serbare, di fronte ai nostri amici migliori, la nostra libertà di giudizio, e anche, se vuolsi, il diritto di frondismo ch’è il sale del giornalismo“.
Appendiamo nelle redazioni dei giornali un foglio con questa scritta; fissiamo per bene il concetto nella nostra mente. Riprendiamoci il sale del giornalismo e il sapore della “missione” di informare che altrimenti si svuota sempre di più del suo senso originale.
Torno alla mia lettura. Non prima di aver augurato al Corriere buon centoquarantesimo compleanno!

Annunci

Giornali, lettere, infedeltà e… marketing!

Ultimamente ho poco tempo per lunghe riflessioni. Ma una breve ce l’ho da ieri e mi va di condividerla con quel paio di lettori iscritti al mio blog.
Avete seguito la storia del marito cornuto che compra una pagina di un quotidiano nazionale (Corriere della Sera) per dichiarare al mondo intero le sue corna? Bene.
Appena letta, si capisce che c’è qualcosa di strano: la storia non è vera.
Ma ve lo immaginate voi un uomo tradito che spende tutti questi soldi per:
a. gridare al mondo interno che la moglie lo tradisce
b. lasciarla dalle colonne di un quotidiano (e mettiamo che lei – come gran parte degli italiani oggi purtroppo – non lo legge?!)
Bene, come sospettato, oggi è arrivata la notizia ufficiale: la lettera è solo una geniale trovata di marketing per promuovere un nuovo programma di Real Time, “Alta infedeltà”. Il mistero è stato svelato dopo tantissime condivisioni on line e tra la sorpresa e lo stupore generale del popolo del web.
Nella lettera – pubblicata ieri sul Corriere della Sera -, tra le tante cose, vengono citati anche nomi di trasmissioni di successo di Real Time.
La missiva dell’amante tradito è diventata subito virale, condivisa a più non posso sui social media da gente curiosa e – perché no? – anche da qualche innamorato tradito che in quelle parole avrà trovato spazio per la vendetta che non era mai riuscita a servire al proprio ex partner (neanche su un piatto ghiacciato!) 🙂
In questa storia io intravedo soprattutto una idea geniale che, checché ne dicano i puristi del marketing o quelli con la puzza sotto il naso, è riuscita nell’intento: creare attenzione su un programma, muovere l’opinione pubblica, incuriosire il popolo del web, a proposito di un programma tv di cui si sa ancora molto poco. E che, per la cronaca, comincerà il 16 marzo.
Per amore della cronaca, vi faccio notare che anche agenzie di stampa nazionali sono cadute nel tranello, lanciando la notizia del marito tradito che si vendica su un quotidiano nazionale.
Tra l’altro, mi piacerebbe far notare che la pagina Facebook lanciata dal presunto amante tradito annovera oramai oltre 8.000 fan nel giro di poco tempo.
Io, ve lo confesso, mi sono incuriosita. E il 16 marzo darò anche io una sbirciatina ad “Alta Infedeltà”

Audipress: Gazzetta dello Sport primo quotidiano italiano

La Gazzetta dello Sport è il quotidiano più letto in Italia. Lo confermano i dati diffusi da Audipress che per la prima volta rilevano contestualmente la lettura delle copie cartacee e delle copie digitali: una vera e propria fotografia dei pubblico complessivo della stampa italiana.
Il quotidiano sportivo resta il più letto con oltre 3,6 milioni di lettori tra carta e digitale. Segue, al secondo posto, il Corriere della Sera (letto da poco più di 2,5 milioni di italiani) e, al terzo posto La Repubblica, che però continua a precedere il Corsera per quello che riguarda il cartaceo.
L’indagine dell’ente di ricerca, tramite un innovativo questionario, ha esplorato le modalità di lettura degli italiani, partendo dalla testata per poi approfondire le diverse versioni usufruite dai lettori.
Considerata la novità del conteggio delle copie digitali, l’indagine non è paragonabile a precedenti rilevazioni.
Ma dalle tabelle di reperibili sul sito Audipress si evince che è quarto quotidiano in Italia il Corriere dello Sport, seguito da La Stampa di Tornino, da Qn-Il Resto del Carlino e Il Messaggero.