Chi sono

DCIM100MEDIA

Da piccola, prima ancora di imparare a leggere e scrivere, prendevo solitamente una copia del Roma e gridavo a mia madre: “Io voglio scrivere qui”. Qualche anno dopo, alle elementari, imitavo spudoratamente mio padre – che ogni domenica sera dettava al telefono cronache sportive a quotidiani e agenzie di stampa – fingendo di dettare pezzi al telefono con tanto di punteggiatura. Mi attaccavo al telefono, libero, e cominciavo le mie cronache personali inventate di sana pianta. A sette anni conquistai la mia prima macchina da scrivere. Quando scoprii che Babbo Natale mi aveva portato un giocattolo che non riproduceva neanche lo stesso rumore della Olivetti che avevo visto e ammirato da lontano mi arrabbiai come una matta. E allora, a dieci anni, arrivò il regalo più desiderato: una macchina da scrivere vera, di seconda mano, una di quelle che si usavano negli uffici e che occupavano una scrivania intera. È su quella macchina che ho cominciato a scrivere i miei primi pensieri compiuti, nella speranza che qualcuno, un giorno, potesse pubblicarli.
Da adolescente la passione per il giornalismo non mi mollava. E allora, quando il computer era arrivato anche a casa mia, cominciai a scrivere periodicamente lettere/articoli su Hurrà Juventus, inseguendo un sogno: il mio nome sul giornale della squadra del cuore.
Prima di diventare maggiorenne cominciai a scrivere di nascosto a una serie di redazioni locali nella speranza che qualcuna di queste mi desse la possibilità di cominciare a scrivere sul serio. Qualcuno mi prese davvero sul serio e iniziai la gavetta fatta di cronaca locale e sport.
L’amore per il giornalismo ha sempre viaggiato di pari passo con l’interesse crescente per il mondo della comunicazione. E allora via con le scelte di studio: Scienze della comunicazione (ultimo anno del caro vecchio ordinamento), un master in Media Education, tredici anni dei tipi più disparati di collaborazioni giornalistiche, qualche ufficio stampa e un’esperienza nell’Ufficio Comunicazione dell’Agcom.
Nel corso degli studi mi appassiono sempre più ai temi che riguardano la deontologia e la morale della professione giornalistica, scelgo una tesi di laurea sulla deontologia professionale, un lavoro che pone l’enfasi sui guasti che un’informazione non corretta o poco attenta può causare. E da quel momento comincio a pensare seriamente che sarebbe opportuno creare un osservatorio sulla qualità dell’informazione.
Oggi dico senza problemi che faccio parte della generazione di chi, appena arriva in un’azienda/pubblica amministrazione/associazione per un lavoro/stage/tirocinio, si sente ripetere: “Mannaggia, sei tanto brava ma c’è la crisi… Se solo fossi arrivata da queste parti qualche annetto fa!”. 🙂
Sono segretaria dell’Assostampa Campania Valle del Sarno e componente/segretario del Consiglio di Disciplina dell’Ordine dei giornalisti della Campania.
Le opinioni espresse in questo blog sono esclusivamente di carattere personale

Aaah, quasi dimenticavo: mi chiamo Barbara Ruggiero, come forse fino a questo punto si sarà capito. Mi trovate anche su Facebook, su Twitter (@barruggi), su Linkedin e su Google+

3 pensieri su “Chi sono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...