Archivi categoria: editoria

La #Brexit e i giornali in edicola oggi

Senza entrare nel merito delle questioni relative alla ‪#‎Brexit‬, mi piacerebbe fare una considerazione sui quotidiani in edicola oggi in Italia. Nessuna accusa, sia chiaro: nessuno avrebbe potuto “azzeccare” il risultato del referendum prima di mandare il giornale in stampa. Le prime notizie sono venute fuori in mattinata e i sondaggi – diciamolo chiaro – stavolta hanno chiaramente depistato tutti.
Ma la riflessione voglio farla da lettore: perché io stamattina avrei dovuto acquistare in edicola un quotidiano senza la notizia del giorno, quando su internet e in tv è in atto un vero e proprio bombardamento mediatico – con tanto di commenti, reazioni, analisi in tempo reale – sul tema della Brexit?
Io sono per i quotidiani, per il profumo della carta stampata e per il fascino del giornale da sfogliare comodamente seduti in poltrona.
In questi casi, però, mi rendo conto di quanto il mondo della stampa tradizionale sia spesso pericolosamente vecchio rispetto al nuovo che avanza.

Blendle, al via la sperimentazione dell’iTunes delle news

Si chiama Blendle e potrebbe rivoluzionare il nostro rapporto con l’informazione on line a pagamento. È un’app olandese progettata per consentire la lettura di singoli articoli di giornale con la formula del micropagamento e con un insolito “soddisfatti o rimborsati”.
Prima Comunicazione ha annunciato che i big del giornalismo americano e inglese stanno testando l’applicazione: se funzionasse come si immagina, l’app potrebbe capovolgere il modo di rapportarci all’informazione on line.
Alcuni giornali americani e inglesi, tra cui “New York Times”, “Washington Post” e “Wall Street Journal”, hanno dato il via a una forma di sperimentazione su un campione di 10mila utenti.
Blendle è una start up che – stando a quanto comunicato da Prima Comunicazione – conta già oltre 650mila utenti in Germania e Olanda.
Come funziona? Semplice: per iscriversi è necessaria la carta di credito. Poi, quando si clicca sull’articolo che si vuole leggere, scatta il pagamento. Un micropagamento: si parla di una cifra che va dai 9 ai 49 cent. E i ricavi? Vengono divisi tra editore (a cui va il 70%) e Blendle (30%).
E se l’articolo non dovesse piacere? C’è la formula del “soddisfatti o rimborsati”, a patto che l’insoddisfazione venga motivata seriamente.
Funzionerà Blendle? Sarà la sperimentazione e il tempo a dirlo.
Intanto, restiamo alla finestra: il mercato italiano, per ora non coinvolto nella sperimentazione, sembra lontano anni luce dall’idea di pagare – con carta di credito e micropagamenti – per l’informazione on line. Ma mai dire mai!

Corriere.it e paywall, domani il debutto

Il mondo, anche quello dell’informazione, sta cambiando.
Domani debutta ufficialmente il paywall del sito Corriere.it. Giusto un giorno di prova gratuita per tutti. Il tempo di osservare i cambiamenti e valutare l’offerta e poi, a partire da domani, saranno consultabili on line un massimo di venti articoli al mese. Dopo? Se vuoi leggere paghi. Un mini abbonamento. Prima della cifra simbolica di un euro e poi di 0,33 centesimi al giorno.
Ma voi, fino a qualche anno fa, avreste immaginato di pagare per fruire di contenuti on line? Il web è stato considerato da sempre – a torto o a ragione – una miniera di informazioni totalmente gratuita. E invece no: da oggi cambia il discorso. Giustamente, direbbe qualcuno: in una redazione on line si lavora quanto (se non peggio) in altre redazioni; perché non riconoscere che quella informazione che leggiamo è di qualità e merita che qualcuno paghi per fruirne?
Funzionerà il sistema? Sarà solo il tempo a dirlo. Ma intanto credo possa tornare utile – come strumento di discussione e riflessione – l’articolo pubblicato oggi nella homepage di Corriere.it, in cui si illustrano le principali novità.

edicole, giornali, carta e digitale

Stamattina sono passata in edicola. Non ci andavo da giorni. Non perché io non legga, anzi. Ultimamente mi sono convertita in maniera definitiva al digitale. La versatilità del digitale ha avuto la meglio sul piacere di sfogliare il quotidiano di carta e sul profumo inebriante della carta stampata che da sempre mi affascina. Non essendo spesso a casa, infatti, riesco molto più facilmente a portare con me i quotidiani in digitale – che leggo tranquillamente su ogni dispositivo senza portare pesi.
Oggi però sono passata in edicola per ritirare un libro e un po’ anche perché spesso mi manca il profumo dei giornali. Una sommaria chiacchierata con l’edicolante – partita dall’oramai vecchia notizia dell’addio di Wired alla carta stampata – mi ha messo un po’ di tristezza.
Ho pensato a lungo alla mia storia con Wired, all’incontro fortuito dei primi anni e a una fedeltà incrollabile che mi ha portato a comprare e a tenere da parte anche l’ultima copia cartacea. E poi mi sono soffermata anche a riflettere sulla crisi dell’editoria che oramai non lascia scampo a nessuno.
Dalla chiacchierata – semmai ci fosse stato bisogno di conferme – è emerso che il numero di copie vendute, anche per quotidiani locali e nazionali, è sempre più basso. Colpa di un giornalismo che non cambia? O della crisi strutturale, non solo economica, di cui oramai sappiamo tutti?