Pubblicità, le banane e l’opera d’arte senza apostrofo

Dubbio: ma è una trovata di marketing o un clamoroso refuso su un cartellone 6×3?

E se è marketing perché ci siamo ridotti a catturare attenzione con dei refusi?

Opera, sostantivo singolare femminile – dice anche il sito della Treccani. Perché allora manca l’apostrofo?

Annunci

24 cfu e il sogno del “posto fisso” per i comunicatori

IMG_6151Li chiamano 24 cfu e rappresentano la speranza – l’ultima contemporanea – del “posto fisso”. Sono crediti integrativi per poter accedere a un concorso (triennale) che abiliterebbe all’insegnamento. Certezze? Zero. Forse anche per questo è bene andare cauti e usare il condizionale. Chi da anni culla il sogno di entrare nel mondo della scuola mi ripete che è andata sempre così: che prima o poi l’abilitazione arriva. Si chiama Fit, Tfa, e altri acronimi o nomignoli incomprensibili ai più… Chi ha sempre sognato di entrare nel mondo della scuola in un certo qual senso è abituato a ragionare con i crediti e a proiettarsi in un futuro fatto di pedagogia, didattica dell’inclusione, di corsi/concorsi, di tirocini formativi e altro.
Poi ci siamo noi, quelli laureati in Comunicazione, che a partire dal prossimo concorso potremmo diventare docenti. In comunicazione, ovviamente. Anche se poi la comunicazione l’hanno introdotta solo in alcuni istituti e in altri no come materia di insegnamento. Come per dire: c’è ancora qualcuno che può fare a meno di comunicare, o di essere educato alla comunicazione e all’informazione più specificamente.

Ebbene, dicevo, ci siamo noi. Che secondo me restiamo sempre un po’ sognatori. Maltrattati e bistrattati per una facoltà spesso definita inutile e da qualcuno sotto sotto anche un po’ invidiati perché siamo quelli che hanno inseguito i loro sogni piuttosto che mettersi, calcoli alla mano, a individuare la facoltà che garantisse più sbocchi occupazionali. A me lo dicevano all’inizio: studi comunicazione? E credi che ci sia qualcuno in Campania disposto ad assumerti? Insomma, le solite vecchie storie da pecore nere del mondo universitario contemporaneo…

Ci siamo, dicevo, anche noi comunicatori alle prese con i 24 cfu: consideriamo la scuola come un paracadute e facciamo compagnia a tutti quelli che sono tornati sui banchi per studiare e prepararsi al corso/concorso che potrebbe abilitare all’insegnamento. Siamo tanti, siamo gruppi Facebook per cercare di capire se e quanti posti della classe A065 ci saranno in Italia  e soprattutto per cercare di capire se ci saranno. Siamo scottati spesso dalle delusioni delle domande di insegnamento in terza fascia: siamo in graduatoria ma gli insegnamenti spesso e volentieri non vengono attivati. Siamo quelli che sperano di insegnare comunicazione a scuola perché sognano di poter trasmettere ai giovani la stessa passione che ha animato e anima ancora oggi i nostri studi. Perché nessuno, un domani, possa dire a un giovane che studiare ciò che ti appassiona non ti garantisce un futuro.

Se il lettore si interroga sul rapporto tra diritto di cronaca e rispetto delle persone…

Torno a scrivere dopo tanto tempo per una considerazione che stamattina mi è venuta spontanea. Riguarda il rapporto tra il diritto di cronaca e il rispetto delle persone. Io ne ho sempre parlato. Ne hanno sempre parlato gli addetti ai lavori. Ma, sfogliando le pagine dei social e del Corriere della Sera, stamattina ho notato che sono stati alcuni lettori a porsi domande circa il bilanciamento tra il diritto di cronaca e il rispetto delle persone. E ne sono stata felice.
Non ho letto i resoconti di cronaca a cui si fa riferimento. Ma sono contenta di leggere queste lettere.
Un lettore che pone l’interrogativo #etico e di #coscienza a un #giornalista è sempre una bella notizia, specie se le considerazioni nascono sul delicato rapporto tra diritto di cronaca e rispetto delle persone.

http://www.corriere.it/lettere-al-direttore/12-02-2018/index.shtml

Combattere le fake news con l’educazione ai media

Stamattina ho scritto di getto un post su Facebook per dire la mia sulla questione delle fake news.
Vi confesso la mia perplessità sull’idea di regolamentare i flussi di notizie, anche quelle false. Mi sforzo di capire tutti i problemi relativi al mondo delle fake news e di quelle storie a metà tra spionaggio e mistero che trapelano da indiscrezioni e interviste sulle pagine dei quotidiani di questi giorni. Però sono scettica quando sento parlare di ulteriori norme in un settore delicato come quello della libertà di espressione. Non ne capisco la necessità. Abbiamo tante leggi che possono essere rispettate se applicate anche alle nuove tecnologie. Perché crearne altre? E per regolamentare cosa?
Stamattina – ma anche qualche giorno fa in un incontro con alcuni giovani – ho rimarcato una cosa: le fake news sono sempre esistite. Si chiamavano bufale, notizie false, mezze verità e hanno sempre popolato – ahinoi – anche le pagine dei giornali. Allora io mi chiedo e vi chiedo (proprio perché ritengo sia opportuno fare chiarezza): perché parlare di fake news sta diventando una moda in questo periodo?
Credo che la migliore soluzione per tutti i problemi sia la conoscenza. Formazione all’uso dei nuovi media e informazione seria e di qualità possono annientare le fake news. Allora perché non lavoriamo sulla cultura? Di educazione ai media – lo so, mi ripeto troppo spesso – c’è urgente bisogno.

Scienze della comunicazione e insegnamento: la classe A065 funziona?

Istituita classe di concorso a scuola per i laureati in Scienze della comunicazione (A065). Le graduatorie sono pronte e definitive ma le scuole non attivano gli insegnamenti. Giustamente da anni c’è chi insegna comunicazione con altre lauree, giustamente. Chi ci prende in giro?
Breve storia tratta dal manuale (inedito) “Le gioie di essere comunicatori”